L’edizione di quest’anno

LA STORIA E’ L’AVVENTURA. Omaggio a Mino Milani

Figura chiave del rinnovamento qualitativo della letteratura italiana per ragazzi, Mino Milani ha raccontato a puntate, dalle storiche pagine del Corriere dei Piccoli, le avventure di Tommy River, cow-boy malinconico e riflessivo sulle cui vicende si sono formati centinaia di migliaia di giovani lettori in tutta Italia. Quindi i magnifici Efrem soldato di ventura, i Cavalieri della tavola rotonda, Martin Cooper, il giornalista che “indagava” il futuro, e poi i romanzi Ulisse e Argo, Sognando Garibaldi, L’ultimo lupo e il bellissimo Udilla.

Importanti le sue collaborazioni con i più prestigiosi disegnatori di fumetti italiani dell’epoca, da Hugo Pratt a Milo Manara, Grazia Nidasio, Mario Uggeri, Aldo Di Gennaro e Sergio Toppi, e con registi di fama quali Dino Risi e Carlo Lizzani.
“Per la vastissima produzione che ha accompagnato e accompagna da sessant’anni la crescita delle nuove generazioni. Per l’alta e raffinata qualità stilistica delle sue narrazioni anche capace di avvalersi delle più prestigiose firme dell’illustrazione italiana. Per la pluralità dei generi affrontati, dalla mitologia alla storia, dall’avventura in contesti lontani all’attenzione ai drammi bellici dei giorni nostri” la motivazione con la quale Mino Milani è stato insignito del Premio Speciale della Giuria Andersen 2017. Nel 2008 gli è stato conferito il titolo di Commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana per il valore letterario espresso.

Sulla lezione di Mino Milani, il Festival vuole esplorare il romanzo d’avventura, o meglio il romanzo storico-avventuroso, convinti che l’intreccio di questi generi  possa avere tanta parte nello stimolare i più giovani alla lettura.

Leggere ai ragazzi o far leggere loro i libri di Mino Milani significa catapultarli in un mondo altro, fatto di battaglie cruente e cavalieri, ma anche di uomini veri, pieni di dubbi, incertezze e paure, perché, come sostiene lo stesso Milani: «l’eroe vero è colui che dubita sempre. Di tutto».

 

Per prenotarti agli eventi, clicca qui.

Per scaricare il programma di quest’anno, clicca qui.

 

Mino Milani
arrow

Mino Milani

close
info:
Figura chiave del rinnovamento qualitativo della letteratura italiana per ragazzi, Mino Milani ha raccontato a puntate, dalle storiche pagine del Corriere dei Piccoli, le avventure di Tommy River, cow-boy malinconico e riflessivo sulle cui vicende si sono formati centinaia di migliaia di giovani lettori in tutta Italia. Quindi i magnifici Efrem soldato di ventura, i Cavalieri della tavola rotonda, Martin Cooper, il giornalista che “indagava” il futuro, e poi i romanzi Ulisse e Argo, Sognando Garibaldi, L’ultimo lupo e il bellissimo Udilla. Importanti le sue collaborazioni con i più prestigiosi disegnatori di fumetti italiani dell’epoca, da Hugo Pratt a Milo Manara, Grazia Nidasio, Mario Uggeri, Aldo Di Gennaro e Sergio Toppi, e con registi di fama quali Dino Risi e Carlo Lizzani.
Lia Levi
arrow

Lia Levi

close
info:
Scrittrice e giornalista, Lia Levi nasce a Pisa da famiglia piemontese di origine ebraica. Agli inizi degli anni ’40 i Levi si trasferiscono a Roma, dove Lia vive tuttora. Da bambina ha subito le Leggi razziali del ’38 istituite da Mussolini e dal governo fascista e affrontato i problemi della guerra. Riuscì a salvarsi dalle deportazioni nascondendosi sotto falso nome, con le sue sorelle, nel collegio romano delle Suore di San Giuseppe di Chambéry. È autrice sia di romanzi per adulti che per ragazzi. Nel 1967 ha fondato e diretto il mensile di cultura ed informazione ebraica, Shalom. Con il suo romanzo d’esordio “Una bambina e basta” vince nel 1994 il Premio Elsa Morante opera prima. Altri riconoscimenti alla brava scrittrice romana sono il Premio Grinzane Cavour, sezione saggistica 2001 per il libro “Che cos'è l'antisemitismo?”, il Premio Andersen, libro dell'anno 2005 con “La portinaia Apollonia”, il Premio Rodari 2008 con “Un cuore da Leone”, il Premio Moravia 2011 con “L'albergo della magnolia” e il Premio Strega Giovani 2018 con “Questa sera è già domani”. Lia Levi sarà al Festival grazie al percorso “Ritratti” proposto da Alessia Libreria, dal Circolo e dall’Associazione Teatro della Fratellanza di Casnigo e all'interessamento dell'Istituto Romero di Albino.
Stefano Bordiglioni
arrow

Stefano Bordiglioni

close
info:
Nato a Roma nel 1955, si è laureato in Pedagogia a Bologna con una tesi sperimentale sulla creatività infantile e per anni ha lavorato come insegnante nella scuola primaria.Ha pubblicato tantissimi libri per ragazzi ed è stato vincitore di diversi premi letterari e concorsi, fra i quali il premio intitolato a Gianni Rodari e il premio Hans Christian Andersen-Baia delle Favole.Molti dei suoi libri sono stati tradotti e pubblicati all’estero.È anche autore di canzoni per ragazzi ed è stato autore di programmi televisivi. Stefano Bordiglioni sarà inoltre presente alla Grande festa di apertura con un suo spettacolo.
arrow

Luigi dal Cin

Luigi dal Cin
close
info:
nato a Ferrara, ha pubblicato oltre 100 libri di narrativa per ragazzitradotti in 10 lingue e ha ricevuto molti premi nazionali di letteratura, tra cui il prestigioso Premio Andersen 2013. Professore a contratto del corso annuale di Scrittura Creativa all'Accademia di Belle Arti di Macerata, è docente di corsi di tecniche di scrittura per ragazzi alla Scuola Holden di Torino. Autore e regista teatrale ha ricevuto nel 2017 il Premio Troisi per la sua attività di scrittura per ragazzi e di incontri-spettacolo con gli alunni di tutta Italia. "Afferra la cima. L'epilessia raccontata ai ragazzi" (Lapis 2019) è il suo ultimo libro e racconta l'epilessia dal punto di vista della piccola Sofia che racconta alla sua maestra e alla classe cosa si prova in quei momenti, la stranezza di risvegliarsi mentre tutti ti guardano e la paura dei giudizi dei compagni...
arrow

Guido Quarzo

Guido Quarzo
close
info:
Guido Quarzo è scrittore di romanzi, racconti e poesia per l'infanzia. Laureato in Pedagogia, vive a Torino. Ha lavorato per molti anni nella scuola elementare, sia come insegnante che come formatore. Si è occupato in modo particolare di teatro e scrittura per ragazzi. Due volte vincitore del Premio Andersen, nel 1992 con e 2013) e del Premio Cento, ha ottenuto un notevole successo con “Clara va al mare”, in cui ha messo in scena (con sensibilità straordinaria) la storia di una bambinadiversamente abile che decide di mettersi in viaggio per vedere il mare. Nel 2017 è stato finalista al Premio Strega Ragazzi e Ragazze con il divertentissimo “Maciste in Giardino”. "La notte della Luna" (Einaudi 2018), scritto a quattro mani con Anna Vivarelli, è l'ultimo libro edito dall’autore torinese che narra l’infanzia di un gruppo di ragazzini che ogni pomeriggio si trova a giocare nel cortile. Affasciati dai viaggi nello spazio che riempiono la cronaca di fine anni ’60 - e la loro immaginazione – i ragazzi trascorrono il proprio tempo fra giochi e discorsi, emergono le diverse personalità e, piano piano, ognuno di loro cresce. Fino a quella notte di luglio del 1969 in cui l’uomo posa per la prima volta il piede sulla Luna…
arrow

Pino Pace

Pino Pace
close
info:
Laureatosi in Discipline dello spettacolo al DAMS di Bologna e in Lettere e Filosofia , Pino Pace è autore di audio-documentari per la radio e documentari per il cinema e la televisione. Ha pubblicato diversi libri tra romanzi, albi illustrati, raccolte di haiku e mappe narrative per ragazzi (LeMilleunamappa-EDTGiralangolo) ed è socio fondatore di ICWA (Italian Children's Writers Association). Alcuni dei suoi libri sono stati tradotti e pubblicati in Cina, Colombia, Corea, Russia, Spagna e Taiwan. Già docente di Metodologie della comunicazione visiva allo IED di Torino, progetta e conduce laboratori sulle pratiche di scrittura e animazione alla lettura in scuole, biblioteche e centri culturali in Italia e all'estero. Le tavole su Marco Polo del bravissimo illustratore Michelangelo Rossato, che impreziosiscono il volume “Marco Polo, il viaggio delle meraviglie” di Pino Pace (Arka, 2018), saranno esposte al Festival. Il suo ultimo libro è “Che tipi, che carateri” (Bacchiega, 2019) ed esplora i differenti caratteri tipografici.
Nicola Cinquetti
arrow

Nicola Cinquetti

close
info:
Laureato in Filosofia e successivamente in Pedagogia con una tesi sulla narrativa per ragazzi in Donatella Ziliotto, insegna filosofia e storia al liceo. Ha tradotto dal francese e ha composto i testi di varie canzoni per le edizioni Mela Music. Poeta e scrittore di romanzi, storie e albi illustrati per ragazzi, ha al suo attivo notevoli riscritture quali il “Cappuccetto rosso”, “Iliade” e “Odissea”. Tra i suoi libri ricordiamo “Ultimo venne il verme”, finalista Premio Strega ragazzi e ragazze 2017, “Cuore testardo” ed il recente “Cartoline dall’Italia” (Lapis, 2018). Affascinato dall’uso delle parole, Nicola Cinquetti è fine imbastitore di nonsense e squisito amante dei vocaboli, che sceglie con molta attenzione nei suoi lavori.
Nicoletta Bortolotti
arrow

Nicoletta Bortolotti

close
info:
Nata in Svizzera, vive a Milano. Laureatasi all'Università Cattolica con una tesi sul neobarocco nella poesia degli anni Ottanta e Novanta del Novecento, lavora come redattrice e copy editor presso Mondadori e tiene numerosi laboratori nelle scuole italiane. Con il romanzo “In piedi nella neve” (Einaudi ragazzi, 2015) vince nello stesso anno il Premio Gigante delle Lange ed il Premio Cento. Nel 2017, per i tipi della Einaudi pubblica “Oskar Schindler il Giusto” che le varrà il Premio Internazionale Città di Cattolica. Da ricordare poi “La bugia che salvò il mondo” (Einaudi ragazzi, 2018) dove si narra la vicenda del dottor Giovanni Borromeo, primario del Fatebenefratelli a Roma, che nel 1943 salvò i pazienti ebrei ricoverati raccontando ai nazisti di una malattia inesistente, il morbo di K.e “Chiamami sottovoce” (HarperCollins Italia, 2018), dove Nicoletta racconta l’amicizia fra Nicole e Michele, un bambino clandestino, giunto ad Airolo, in Svizzera, nel 1976 all’interno del bagagliaio di una Fiat 131, quando negli anni Settanta e Ottanta del Novecento gli emigranti italiani non potevano portare con sé la famiglia oltralpe...
Luisa Mattia
arrow

Luisa Mattia

close
info:
Luisa Mattia è nata a Roma, dove vive. Laureata in Pedagogia, è autrice di numerosi romanzi per ragazzi e collabora a riviste specializzate nel settore educativo. E' autrice, con Tognolini, Janna Carioli ed altri dei testi della Melevisione, la trasmissione per bambini di RAI TRE ora in replica su Rai Yo Yo. Con il romanzo “La scelta” (Sinnos, 2005) ha ricevuto il Premio Pippi 2006 e, nel 2008, il Premio Andersen come "Miglior scrittore". Vastissima e importante la sua produzione di progetti per la promozione alla lettura nell’infanzia.
arrow

Francesco D'Adamo

Francesco D'Adamo
close
info:
Laureato in Lettere moderne, è figlio di profughi istriani arrivati in Italia dopo la Seconda guerra mondiale. Ha insegnato materie letterarie nelle scuole superiori e negli istituti tecnici, per poi dedicarsi alla scrittura. Con il libro “Storia di Iqbal” (EL edizioni, 2001) vince il Premio Cento 2002 e, sempre nel medesimo anno, negli Stati Uniti, il Cristopher Awards. “Storia di Iqbal” narra la vicenda vera di Iqbal Mashir, ragazzo di 13 anni che venne assassinato in Pakistan dalla "mafia dei tappeti" per avere denunciato il suo ex padrone e avere contribuito a far chiudere decine di fabbriche clandestine e liberare centinaia di bambini schiavi. Dal libro è stato tratto nel 2015 il film d’animazione “Iqbal - Bambini senza paura”, diretto da Michel Fuzellier. Sempre sul tema della schiavitù – questa volta dei neri d’America – D’Adamo scriverà “Ho, freedom” (Giunti, 2014) e “OH, Harriet!” (Giunti, 2018).Il suo ultimo lavoro letterario è “Il muro” (De Agostini, 2018), una metafora sul mondo di oggi e sulla paura dell'altro. I suoi romanzi sono tradotti in 25 paesi.
arrow

Antonio Ferrara

Antonio Ferrara
close
info:
Diplomato in maturità artistica, ha frequentato la facoltà di Architettura. Ha lavorato per alcuni anni presso una comunità alloggio per minori, dove è nato il suo interesse nel diffondere la passione per la lettura nei giovani. Cogliendo l'importanza per la formazione dei più piccoli con un adulto che li guidi durante la crescita, si è impegnato con incontri dal vivo tenendo laboratori per adulti presso scuole, biblioteche, librerie, associazioni culturali e case circondariali. Da illustratore di racconti per bambini, ne diventa anche l'autore, scrivendo per dare voce a chi non ha voce, per rendere protagonisti i diseredati e i fragili. Premio Andersen 2012 con l’opera “Ero cattivo” (San Paolo edizioni, 2012), ha dichiarato: “I ragazzi si buttano nel fuoco quando capiscono di avere davanti un adulto autentico, in grado di far sospettare loro che la scrittura sia un potente mezzo di espressione dei propri vissuti, uno strumento per nominare e condividere le proprie emozioni”. Da non perdere i suoi “Ero cattivo”, “Mia”, “Pusher” e “Batti il muro” e “La corsa giusta”.
arrow

Anna Vivarelli

Anna Vivarelli
close
info:
Laureata in Filosofia, ha esordito come autrice teatrale e radiofonica per la Rai. Ha insegnato storia del teatro in diverse scuole di recitazione e ha svolto per molti anni attività giornalistica. Dal 1996, anno in cui vinse il Premio Battello a Vapore con il romanzo “La coda degli autosauri “ (Piemme, 1996) si dedica esclusivamente alla letteratura per ragazzi. Due volte vincitrice del Premio Cento (1996 e 2002) e del Premio Selezione Bancarellino (2005 e 2009), le è stato assegnato nel 2010 il Premio Andersen come Miglior autore. Nell'ottobre dello stesso anno ha ricevuto il Sigillo Civico della Città di Torino e nel 2014il Premio Leggimi Forte. Ha all’attivo numerosissimi romanzi per ragazzi, fra i quali, gli ultimi due: “La notte della Luna” (Einaudi ragazzi, 2018) con Guido Quarzo ed il recentissimo “Un mistero color carbone”, giallo/noir per ragazzi ambientato nella Venezia del 1775, edito nel 2019 da Piemme. Anna Vivarelli è stato il nostro lasciapassare per arrivare a Mino Milani. E noi gliene siamo davvero riconoscenti!
Luigi Garlando
arrow

Luigi Garlando

close
info:
Laureato in lettere moderne è giornalista alla “Gazzetta dello Sport”. Conosciuto e molto amato dai giovani lettori per la collana di libri “Gol”, Luigi Garlando è autore di pregevoli romanzi per ragazzi, tra i quali ricordiamo “Mio papà scrive la guerra” (Piemme, 2005) con il quale vince il Premio Cento 2005, il bellissimo “Per questo mi chiamo Giovanni” (Fabbri, 2008), fra i libri maggiormente letti e adottati nelle scuole italiane, e “L’estate che conobbi il Che”(Rizzoli, 2015), con cui ha vinto il Premio Strega Ragazzi e ragazze 2017. Come giornalista sportivo ha partecipato da inviato a tre mondiali di calcio (Giappone-Corea del Sud 2002, Germania 2006 e Brasile 2014), a due Olimpiadi e a un Tour de France. Fra le sue ultime fatiche letterarie ricordiamo “Mister Napoleone” (Piemme, 2017), “Quando la Luna ero io” (Solferino, 2018) e “Ora sei una stella. Il romanzo dell’Inter” (Piemme, 2018) attraverso il quale ripercorre la figura del grande giocatore Giacinto Facchetti.
Daniela Morelli
arrow

Daniela Morelli

close
info:
Daniela Morelli è scrittrice, drammaturga e sceneggiatrice italiana. Autrice di romanzi per ragazzi, vive a Milano. Formatasi alla Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi, ha recitato in teatro con Vittorio Franceschi, Dario Fo e Gabriele Salvatores, e nel cinema con Silvio Soldini, Nanni Loy e Francesca Archibugi. Nella letteratura per ragazzi non possiamo non segnalare il bellissimo “I ragazzi delle barricate” (Mondadori, 2009), con cui ha vinto il Premio Castello 2010, “La porta della libertà” (Mondadori, 2014) ed il recente “La metà del Sole” (Piemme, 2017). Nel 2016 vince con Paolo D’Altan e Laura Rota il Premio Andersen per la Miglior creazione digitale per “Salis e l’Equilibrio dei Regni”.
Gionata Bernasconi
arrow

Gionata Bernasconi

close
info:
Gionata Bernasconi vive a Bellinzona, in Svizzera, dove lavora presso la Fondazione ARES, ente specializzato in autismo, dove si occupa di consulenza e formazione. Diplomato all’IRFAT di Avignone, collabora con gli istituti psicopedagogici e sociosanitari proponendo progetti sulle tematiche della creatività e le possibili applicazioni in ambito educativo. Prima di diventare scrittore gli sarebbe piaciuto adottare un dodo, ma purtroppo era già estinto. Oppure un bradipo, ma non si sarebbe trovato tanto bene, a causa del clima. E allora, gli animali più strani li mette nei suoi racconti, dove si diverte a scrivere per loro avventure e colpi di scena, accompagnandoli spesso da strani individui; nonnine strampalate, briganti ignoranti o splendide bizzarre baronesse. I suoi libri sono tradotti in diverse lingue.
arrow

Gek Tessaro

Gek Tessaro
close
info:
Autore poliedrico, Gek Tessaro si muove tra letteratura per l’infanzia (ma non solo), illustrazione e teatro. Dal suo interesse per “il disegnare parlato, il disegno che racconta” nasce “il teatro disegnato”. Sfruttando le impensabili doti della lavagna luminosa, con una tecnica originalissima, dà vita a narrazioni tratte dai suoi testi. La sua capacità di osservazione e di sintesi si riversa in performance teatrali di grande livello. Ha collaborato e collabora con diverse case editrici. I suoi libri hanno ottenuto importanti riconoscimenti: “Il salto. Di città in città” (Artebimbi, 2007) è stato selezionato tra i migliori 250 libri del mondo dalla Internationale Jugendbibliothek di Monaco di Baviera nel catalogo “The White Ravens 2005” e “Il circo delle nuvole” (Fanucci, 2008) nel catalogo “The White Ravens 2008”. Premio Andersen 2010 come Miglior autore completo, vince il Premio Nazionale Nati per leggere 2011 con l’albo illustrato “Il fatto è” (Lapis, 2010) e nel 2012 nuovamente il Premio Andersen per il bellissimo “Il cuore di Chisciotte” (Carthusia, 2011) e il Premio Rodari – Città di Omegna 2016 per “Il circo delle nuvole” (edizione Lapis, 2015). Al Festival sarà presente con l’imperdibile spettacolo “Il cuore di Chisciotte”
arrow

Massimo Polidoro

Massimo Polidoro
close
info:
Massimo Polidoro, scrittore, giornalista ed “esploratore dell’insolito”, ha pubblicato oltre cinquanta libri. È considerato uno dei maggiori esperti internazionali nel campo delle pseudoscienze, del mistero e della psicologia dell’insolito. Co-fondatore e segretario del CICAP, il Comitato Italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze, è stato per quattro anni il primo e unico docente italiano di un corso universitario (presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano-Bicocca) dedicato alla Psicologia dell’insolito. Attualmente insegna Comunicazione della scienza presso l’Università di Padova. Presenza fissa a Superquark, è spesso autore e conduttore di programmi di divulgazione scientifica. Il suo ultimo libro è “Leonardo. Il romanzo di un genio ribelle” (Piemme, 2018). Al Festival presenterà il libro per ragazzi “Il segreto di Colombo” (Piemme, 2018)
arrow

Michelangelo Rossato

Michelangelo Rossato
close
info:
E' nato in provincia di Venezia nel 1991. Fin da bambino è sempre stato affascinato dal mondo delle immagini. Dopo la maturità classica ha studiato fotografia allo IED di Venezia. In seguito ha iniziato a interessarsi all'illustrazione per l'infanzia, frequentando la scuola di Illustrazione Ars in Fabula di Macerata. Nel 2014 si è diplomato in Illustrazione all'Accademia di Belle Arti con una tesi riguardante il legame tra la fiaba e le società matriarcali. Si occupa di attività didattiche per bambini e bambine dedicate alla fiaba e all'illustrazione. Tiene corsi di illustrazione per adulti, incontri e conferenze dedicati all'arte e all'antropologia. I suoi disegni sono fortemente influenzati da personali studi e ricerche antropologiche riguardo simbolismi archetipici. La tavole del “Marco Polo. Il viaggio delle meraviglie” (Arka, 2018) saranno esposte al Festival. Michelangelo Rossato inaugura in tal modo la presenza di tavole d’artista durante la manifestazione.