Chi siamo

“Le fiabe non insegnano ai bambini che i draghi esistono, loro lo sanno già che esistono.
Le fiabe insegnano ai bambini che i draghi si possono sconfiggere”
G.K. Chesteron

Possiamo immaginare un luogo della Terra in cui vivere sia più bello? Un “Posto delle fragole” dove intatto rimane l’incanto dell’infanzia? Questo luogo c’è e si chiama LA VALLATA DEI LIBRI BAMBINI.

LA VALLATA DEI LIBRI BAMBINI è molte cose insieme: un Festival di letteratura per l’infanzia e l’adolescenza, un grande progetto culturale di valorizzazione e formazione del territorio, un’associazione senza fini di lucro che permette la realizzazione di questi obiettivi.
Scopi dell’associazione sono:
• la promozione di progetti che diffondano la conoscenza della letteratura per l’infanzia e l’adolescenza,
• l’organizzazione di eventi (festival, letture, ecc..) atti alla formazione di giovani lettori,
• la promozione di corsi di formazione e aggiornamento per insegnanti, bibliotecari, librai, educatori e genitori,
• l’organizzazione di manifestazioni e concorsi rivolti a giovani artisti e scrittori,
• la promozione e valorizzare di beni mobili e immobili di interesse artistico, storico, archeologico, archivistico e bibliografico.

Nata da un’idea di Roberto Squinzi, titolare di Alessia Libreria, bibliotecario prima e libraio appassionato poi – LA VALLATA DEI LIBRI BAMBINI raggruppa diverse persone (insegnanti, editori, studenti, genitori, ragazzi, amanti dei libri, ecc.) che a vario titolo si dedicano ad un grande progetto al cui centro vi è la percezione del fanciullo e del suo universo interiore.

“Dite: è faticoso frequentare i bambini. Avete ragione.
Poi aggiungete: perché bisogna mettersi al loro livello, abbassarsi, inclinarsi, curvarsi, farsi piccoli.
Ora avete torto. Non è questo che più stanca.
È piuttosto il fatto di essere obbligati a innalzarsi fino all’altezza dei loro sentimenti.
Tirarsi, allungarsi, alzarsi sulla punta dei piedi.
Per non ferirli.”
Ianusz Korczack

Favorire eventi dedicati alla lettura significa proporre una piccola “rivoluzione culturale”. Il rumore (quello fastidioso di sottofondo) e la frenesia tipiche degli adulti vengono qui messi in secondo luogo.

Promuovere libri quindi, ma di qualità. Non i soliti prodotti “collaterali” a personaggi televisivi, ma libri evocativi, che non debbano richiamare necessariamente altri linguaggi, altri mondi, ma che ne creino di nuovi.
Per noi de LA VALLATA DEI LIBRI BAMBINI questa è una priorità. Il compito che ci siamo dati.

Il nome, bellissimo, LA VALLATA DEI LIBRI BAMBINI, ci è stato regalato in un giorno di sole da Bruno Tognolini, amico e padrino del nostro Festival letterario.

Buone letture a tutti